Wanderlust. Loading new destination…

Prima non ero così. Quando facevo l’università, ero un essere mitologico metà donna metà divano con una reale dipendenza da serie TV: Lost, Breaking bad, Stranger things. Forse perchè prima avevo più libertà.

Oggi, forse complici le tante ore che passo in ufficio, appena ho un secondo libero viaggio con la fantasia. Da una parte mi drogo delle immagini dei posti più belli del mondo, su Pinterest e poi, con skyscanner alla mano cerco incastri tra impegni di lavoro e voli abbordabili per raggiungerli.

E se poi, riesco ad organizzarmi e fare il viaggio che avevo in mente, mentre sono sul volo di ritorno a casa, mentalmente sto già scegliendo la prossima meta.

Ho scoperto che questa smania, che questa continua wishlist mentale di posti da vedere si chiama Wanderlust e sarebbe addirittura causata da un gene. Il gene del viaggio non sarebbe altro che il recettore della dopamina D4, che sarebbe il diretto responsabile della passione e dell’amore per tutto ciò che è esotico e sconosciuto e fa parte del DNA di circa il 20% della popolazione mondiale.

Senza scomodare particolari sindromi o cromosomi, credo che il motivo sia la curiosità, la voglia di ubriacarsi di bellezza e collezionare più avidamente possibile momenti da ricordare.

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: